PRESENTAZIONE- "ho smesso di tremare" (il manuale)

VUOI SAPERNE DI PIU' ? CLICCA QUI



SAI GIA' TUTTO SUL POSITIVE SELF TALK ANTIPANICO E VUOI FRUIRNE RAPIDAMENTE ? CLICCA QUI



HAI VISITATO QUESTE PAGINE PER PURA CURIOSITA' ED ORA STAI PER USCIRNE?
NON FARLO PRIMA DI AVER GETTATO UNA OCCHIATAQUI!!


DUE PAROLE...TANTO PER ESSERE CHIARI (leggi)





Il Positive Self Talk Antipanico in TV

Stop attacchi di panico adesso! Perché no?


Se tutti coloro che visitano il nostri siti preposti alla distribuzione del metodo per arrestare gli attacchi di panico che noi proponiamo, se ne avvalessero realmente potremmo tranquillamente affermare che almeno quattro-cinquecento persone al giorno smetterebbero di soffrire di questo disturbo.
Questo nella realtà non avviene, dal momento che su un fronte di appunto quattro-cinquecento visite quotidiane, solo una esigua parte di questi occasionali visitatori decidono di servirsene.
Sono anni che cerchiamo di capire la causa o le cause di questa incomprensibile differenza, fra il numero dei visitatori e quello di coloro che decidono di servirsi del metodo di contrasto alle crisi di panico da noi diffuso.

Tra i possibili fattori ne abbiamo individuati alcuni:

Per primo ci concentreremo su quello che riteniamo possa essere il più negativamente rilevante.
La domanda che molti si porranno, potrebbe essere la seguente: "Perchè dovrei curare i miei attacchi di panico con un metodo proposto on line? La logica risposta che potrebbe conseguirne potrebbe essere: "Perchè no?"
Cosa c'è di più lesivo, di lasciare che siano i nostri pregiudizi ad impedirci di conseguire un risultato che stiamo cercando in ogni modo di ottenere?

Dunque ricordate, quando formulerete questa domanda, che il giusto modo di porsi, non è chiedersi il "perchè" ma il "perchè no".

Stessa considerazione si potrebbe fare per un secondo punto:

Migliaia di persone, si sono liberate dei loro attacchi di panico attraverso questo metodo, riconosciuto ed apprezzato in tutto il mondo, e della cui efficacia parlano innumerevoli autorevoli fonti...dunque, perché non può aiutare anche me? Perché no?

Molti probabilmente si diranno: "Ok, adesso sono venuto a conoscenza anche di questa opportunità, magari prenderò in considerazione l'eventualità di servirmene in futuro..."

Già, un futuro...
Le cose potrebbero non restare sempre così però.
Gli stati, stanno imponendo regole sempre più severe, e limitazioni sempre più stringenti sulle attività commerciali in internet. C'è chi vorrebbe introdurre un regime di tassazione aggiuntivo sugli acquisti effettuati sul web, tassare le transazioni che imprese straniere che operano attraverso internet come la nostra, e che già pagano le imposte sul proprio territorio nazionale, effettuano in altri paesi. Una vera e propria tassa sull'utilizzo del web quale diffusore commerciale. Ecco cosa potrebbe riservare il futuro...
Quindi ancora sorge una domanda. Approfittarne ora? Perchè no?!!
Ora il costo di liberarsi dagli attacchi di panico è piuttosto contenuto, ed accessibile a tutti, in futuro potrebbe non essere più così.

Ovviamente questo articolo, non è indirizzato a coloro che sanno cogliere immediatamente le occasioni quando si presentano, ma a tutti coloro che non ne sanno approfittare, per via del fatto che la loro esistenza è caratterizzata e condizionata dai soliti dubbi e le solite incertezze, la differenza tra il vedere il bicchiere mezzo vuoto, anziché mezzo pieno, il porsi sempre gli interrogativi sbagliati.

Perché fare qualcosa? No! Perché non farla, questa è la domanda giusta.

Questo però, nella vita vale in tutto ciò che ci accingiamo a fare e non solo, come in questo caso nell'eventualità di liberarsi dagli attacchi di panico o di continuare a soffrirne.
Anteporre un perché, ad un perché no e limitativo e vincolante in qualsiasi situazione o decisione.

Sapete cosa significa "sindrome di Stoccolma"? E' l'atteggiamento che a volte una vittima assume nei confronti del proprio carceriere, arrivando spesso al punto di giustificarlo, comprenderne le ragioni, restarne affascinati, adorarlo anche fino al punto di non poter più fare a meno della sua presenza.

Perché ho parlato di ciò? Ora vi svelerò qualcosa che potrebbe persino offendervi, qualcosa in grado di minare le vostre sicurezze sulla capacità di libero arbitrio. Eppure non dovreste dubitarne più di tanto...cos'è rimasto del vostro libero arbitrio da quando soffrite di attacchi di panico?

Ebbene, è scientificamente provato, che molti di coloro che soffrono di disturbo di panico, non riescono a liberarsene, semplicemente perché non vogliono, solo per il fatto che, come nell'esempio della sindrome di Stoccolma che sopra citavo, si sono affezionati al loro carceriere (in questo caso gli attacchi di panico) e questa presenza, gli riempie la vita.

Ovviamente questo non vale per tutti, ma è molto frequente che ciò accada.

Gli attacchi di panico, provocano si un immenso disagio in chi li sperimenta, ma fanno da contraltare a questa brutta sofferenza, una maggior comprensione da parte del partner, dei familiari ed anche degli amici, che si dimostreranno frequentemente pieni di attenzioni, più comprensivi e più inclini alla sopportazione dei difetti che in una persona "normale" spesso non vengono tollerati. Una nuova vita, piena di attenzioni a cui molti non riescono più a rinunciare.

Sembra assurdo vero? Eppure l'animo umano è un mistero insondabile, e non abbiamo neppure la più pallida idea di ciò che saremmo capaci di barattare in cambio di un poco d'affetto e comprensione.

Dunque, siete assolutamente certi di non rientrare anche voi in questa categoria di persone? Potreste giurare che quando vi dite: "perchè dovrei servirmi di questo qualcosa, che neppure capisco tanto bene" Siate davvero voi a porvi questa domanda? Eppure, se avete un minimo di esperienza con gli attacchi di panico, dovreste sapere quanto sia subdolo il meccanismo che li scatena, e quanto esso sia fuori dal vostro controllo...d'altra parte, se aveste tutto sotto controllo, e se foste completamente padroni di voi stessi, sarebbe facile "ordinarvi" di non soffrirne più non vi pare?

Sono gli attacchi di panico stessi, a farvi dubitare di tutto e di tutti. Iniziano col farvi dubitare di voi stessi, poi dei medici perchè non sono in grado di curarvi, poi del prossimo in generale.

In una condizione normale, nessuno ve lo assicuro, rifiuterebbe una mano tesa.
Vi risulterebbe possibile, se foste dispersi nel deserto, arsi dalla sete e disidratati, vedervi rifiutare di accettare assistenza e un'otre d'acqua fresca da una carovana di passaggio? Non credo vero?

Ma questa, seppur ipotetica ed estrema, sarebbe una situazione normale di mutuo aiuto fra esseri umani, non vi interroghereste sul fatto che qualcuno vi possa offrire dell'acqua avvelenata, berreste abbondantemente e forse solo dopo esservi rinfrancati, forse comincereste a pensare se essa possa essere stata più o meno pura, in ogni caso ringraziereste sempre il cielo per essere sopravvissuti, riproponendovi in seguito di farvi una analisi che possa accertare di non aver contratto alcuna malattia intestinale, e continuereste a berne per tutto il viaggio di ritorno alla civiltà. Eh già, questa è la normalità.

Il fatto che stiate leggendo questo scritto, è una opportunità un'acqua pura e già ampiamente analizzata. Perché berla? Perché no?

E' pura perché non siete giunti qui per caso, infatti se aprite Google e cercate informazioni sugli attacchi di panico questo non è il primo posto dove verrete catapultati. Se siete qui ora, è perché centinaia di notizie e molteplici fonti attendibili vi hanno condotto su queste pagine e non un annuncio pubblicitario.

Questa è la garanzia della serietà di ciò che noi proponiamo. Se infatti avete cercato informazioni sugli attacchi di panico in passato, ogni volta che visiterete qualsiasi sito, o anche semplicemente la vostra pagina Facebook, vi mostreranno sempre annunci pertinenti con questo argomento, e notizie sponsorizzate che lo trattano.
I nostri siti non appaiono mai e mai appariranno fra gli annunci a pagamento, eppure con pochi soldi di investimento, potremmo essere i primi su Google, alla voce attacchi di panico, ed essere sempre presenti davanti a tutti coloro che cercano una soluzione a questo problema.

No, questa non è la nostra politica. chi decide di avvalersi del nostro metodo, deve poterlo fare di sua libera iniziativa, e solo dopo aver affrontato tutto un lungo percorso di ricerca, aver valutato tutte le possibili opzioni alternative, ed aver compreso che la nostra è la più valida e degna di attenzione.






Nessun commento:

Posta un commento