PRESENTAZIONE- "ho smesso di tremare" (il manuale)

VUOI SAPERNE DI PIU' ? CLICCA QUI



SAI GIA' TUTTO SUL POSITIVE SELF TALK ANTIPANICO E VUOI FRUIRNE RAPIDAMENTE ? CLICCA QUI



HAI VISITATO QUESTE PAGINE PER PURA CURIOSITA' ED ORA STAI PER USCIRNE?
NON FARLO PRIMA DI AVER GETTATO UNA OCCHIATAQUI!!


DUE PAROLE...TANTO PER ESSERE CHIARI (leggi)





Il Positive Self Talk Antipanico in TV

Perché funziona

Il Positive Self Talk Antipanico, funziona perché chi lo ha sviluppato vi era coinvolto in prima persona.


Infatti, al contrario di qualsiasi altro metodo ideato per contrastare gli attacchi di panico, o di qualsiasi eventuale cura, esso è stato messo a punto, da persone che ne hanno sofferto effettivamente.

Tutti i componenti dello staff tecnico del professor Alexandre M. Simonet, egli compreso, avevano sofferto di crisi di panico ed ansia generalizzata.

Ora questo, come potete ben comprendere, è quello che fa la differenza.

La maggior parte dei componenti dell'equipe del Prof. Simonet erano psicologi professionisti o neo-laureati in psicologia, che il caso volle, fossero colpiti da attacchi di panico.
Non trovando essi riscontro, né sollievo in ciò che la psichiatria e la psicologia insegnavano loro, si ritrovarono in un progetto comune, da cui, grazie alle intuizioni del Simonet, nacque il PSTAP.

Al contrario, tutte le informazioni che troverete in giro su questo disturbo, sono state elaborate da persone che evidentemente non hanno vissuto il problema sulla loro pelle.
Non vi sarà difficile infatti leggere affermazioni come questa: "gli attacchi di panico si curano con lo sport!" Se davvero fosse così, come spiegheremmo il fatto che molti sportivi, a volte persino celebrità del mondo dello sport, soffrono di attacchi di panico?
Vi è dunque prova più evidente di questa, che sull'argomento si fa molto parlare a vanvera?
E di esempi come questo, potremmo citarne a vagonate...

Fidarsi di un qualcosa, piuttosto che di un'altra, è una questione molto delicata e soggettiva, a volte bisogna affidarsi all'istinto ed al buon senso.

Chiunque però, avrà la pazienza e la curiosità di gettare uno sguardo ai tanti articoli che abbiamo pubblicato in precedenza, non potrà che riconoscersi in essi, leggendovi fra le righe, i segni di una esperienza diretta, l'esperienza di chi gli attacchi di panico, li ha vissuti direttamente.
Già questa cosa da sola, dovrebbe rassicurarvi sul fatto, che chi si è dedicato alla stesura del metodo che noi proponiamo, lo ha fatto con estrema cognizione di causa e competenza mirata in materia.

Chiunque stia leggendo queste righe, e fosse già coinvolto personalmente nel dramma degli attacchi di panico da diverso tempo, avrà già ben compreso che la fiducia, non la si guadagna semplicemente investendosi di una presunta autorità, ammantandosi con un camice bianco e relativo stetoscopio appeso al collo. Come potrebbero, gli studi universitari di Freud, e l'analisi di esperienze comunicate da terze persone, rendere qualcuno capace di intervenire in questioni delle quali non se ne può comprendere appieno la natura, dal momento che non le si è vissute?

Oppure dovrebbero essere le loro prescrizioni meticolose di farmaci, a convincerci della effettiva competenza di questi soggetti?
Chi di voi, dopo soli pochi mesi di cure con detti farmaci, potrebbe non considerarsi un esperto?
Ci vogliono forse una laurea e vari masters in psichiatria, per scrivere: "mezza pasticca di Alprazolam la mattina, mezza la sera, per 15 gg, poi aumentate la dose fino a portarla ad una pasticca intera per altri 15gg, poi di nuovo scalate a mezza pasticca per altri 30gg ecc. ecc.." ??

Noi non crediamo, voi neppure vero?

Allora cosa fare?  Positive Self Talk Antipanico, l'unica soluzione....

Nessun commento:

Posta un commento