PRESENTAZIONE- "ho smesso di tremare" (il manuale)

VUOI SAPERNE DI PIU' ? CLICCA QUI



SAI GIA' TUTTO SUL POSITIVE SELF TALK ANTIPANICO E VUOI FRUIRNE RAPIDAMENTE ? CLICCA QUI



HAI VISITATO QUESTE PAGINE PER PURA CURIOSITA' ED ORA STAI PER USCIRNE?
NON FARLO PRIMA DI AVER GETTATO UNA OCCHIATAQUI!!


DUE PAROLE...TANTO PER ESSERE CHIARI (leggi)





Il Positive Self Talk Antipanico in TV

Lo stato auto-ipnotico che porta all'attacco di panico



Iniziare ad introdurre questo tema non è semplice, infatti lo si può fare solamente prendendo come esempio alcuni casi specifici. Starà a voi, adattare questi scenari ipotetici alla vostra personale situazione, che per alcuni potrà essere di un certo tipo e per altri, di differente natura.

Prendiamo come esempio un caso "classico" di attacco di panico e molto frequente, quello che molte persone sperimentano quando sono alla guida della loro automobile.

In queste occasioni, i soggetti colpiti, notano un particolare ripetersi delle crisi, in determinati momenti, che potremmo definire ciclici, rispetto al percorso stesso ed all'istante stesso in cui iniziano a comparire i primi segnali del disturbo.

Per essere più chiari, pare che non sia l'atto in se di porsi alla guida a scatenare le crisi, ma bensì alcuni specifici punti del tragitto. Nel caso di un viaggio in autostrada, per intenderci, sarà l'esatto momento in cui il soggetto si trova tra l'uscita "C" e l'uscita "E", oppure su un determinato cavalcavia, costeggiando una "certa" montagna, un "dato" lago, oppure il solito campo di grano...

Questo avviene perché, alcuni determinati luoghi, sono quelli in cui il subconscio, ha registrato la comparsa di precedenti crisi di panico, oppure richiamano con il loro aspetto il ricordo di tali episodi.

Il trovarcisi, oppure il riconoscere inconsciamente in essi o anche il solo sapere di stare per incontrarli di nuovo, innescano un particolare processo mentale, che potrebbe essere paragonato ad una "suggestione ipnotica".

Come abbiamo specificato in diversi articoli precedenti, ciò viene acuito, molto spesso, dalla perdita di sonno, lo stress e un particolare stato di stanchezza cronica legata ad entrambi questi fattori.

La strada, il flusso dei pensieri, a volte anche una musica proveniente dallo stero dell'automobile, che assume tonalità monotone, ma anche tutta una serie di altre concause, contribuiscono al concretizzarsi di questi stati ipnotici auto-indotti, che per alcune persone si traducono, nei classici "colpi di sonno al volante" con conseguenti incidenti anche gravi, e per altre in attacchi di panico. Quindi, per una volta potremmo dire (magari come magra consolazione) che non tutto il male viene per nuocere!

Ciò che si dovrebbe fare in questi casi, a parte mettere in pratica tutte le tecniche suggerite dal protocollo di trattamento offerto dal Positive Self Talk Antipanico, dovrebbe essere, di comportarsi in tali frangenti, come ci si comporterebbe, se ci si trovasse a dover affrontare una sensazione di sonnolenza letargica improvvisa e persistente, ovvero cercare di svegliarsi il più possibile e modificare le condizioni che hanno indotto quel particolare stato.

Cercate di sorprendere il panico, non lasciate che sia lui a sorprendere voi! Cambiate stazione radio, per esempio, modificate la temperatura dell'abitacolo della vostra auto, scegliete un piccolo percorso alternativo, anche una breve deviazione potrebbe essere sufficiente, e se necessario "schiaffeggiatevi", si avete capito bene, tiratevi un bel ceffone in faccia, o in alternativa datevi un bel "pizzicotto"! Niente meglio del dolore, riesce a trascinarvi fuori da qualsiasi stato di trance.

Ovviamente, e su questo non vi sono "se" o "ma", la prima cosa che dovrete modificare, è il vostro stesso stile di vita, eliminando tutti quei fattori che ritenete possano essere causa di perdita di sonno o stress.

Nessun commento:

Posta un commento